Da Bologna a Miami, collegando mille realtà, culturali, sociali, scientifiche, imprenditoriali e sportive. Un viaggio di oltre 40mila chilometri via terra, da un continente all’altro per raccontare cultura e ‘made in Italy’ (o meglio il ‘made by Italy’), ma anche per ascoltare le tante voci che, lungo uno degli itinerari più affascinanti, raccontano il modo di essere, di lavorare, di pensare in Paesi lontani dal nostro.
Un viaggio che parla il linguaggio immediato del giornalismo, ma che è anche ricerca, raccolta di umori ,testimonianza di pace e di creatività. Per dar vita, al termine di oltre cinque mesi di estenuante viaggio tra incognite di ogni genere, ad una catena che colleghi idealmente tanti modi di pensare, di far cultura e di lavorare.
Un’avventura, in sostanza, che possa cementare rapporti già in essere, crearne di nuovi, sviluppare alleanze tra Istituzioni di nazionalità diversa ma anche rinnovare quel sodalizio, mai interrotto, tra realtà imprenditoriali italiane e italiani che hanno cercato la loro strada e la loro fortuna nel mondo. Comunità che, grazie alla ‘BolognaMiami’, si ritrovano e parlano, a migliaia di chilometri di distanza, lo stesso linguaggio, quello dell’ingegno, della creatività, dello stile inconfondibile del ‘made in Italy’.
Nato nel febbraio 2001 come un viaggio giornalistico attraverso il mondo, il progetto ‘BolognaMiami’ si è trasformato, nel corso dei mesi e anche alla luce dei recenti avvenimenti internazionali, in una vera e propria impresa, unica nel suo genere. Pur confermando e valorizzando le sue caratteristiche 'locali’ ha saputo sviluppare collegamenti con Enti e Aziende di livello internazionale. Non più solo quindi un reportage lungo cinque mesi, una ‘diretta’ dai luoghi più sperduti e meno conosciuti dei tre continenti toccati dal viaggio, ma anche e soprattutto un messaggio di ottimismo, pace e creatività.
Questo grazie anche agli importanti patrocinii raccolti: dal Ministero alle Attività Produttive alla collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, la Provincia di Bologna e l'Assessorato Cultura del Comune di Bologna.
Intanto sale l’interesse giornalistico per un ‘asse’, quello Mosca-Pechino, che grazie all’assegnazione dei Giochi olimpici del 2008 alla capitale cinese e ai progetti di espansione economica- turistica della città sovietica si presterà a numerosi servizi esclusivi di indubbio interesse e attualità. Fondamentale, a questo proposito, il ruolo propositivo dei vari sponsor della ‘Bologna-Miami’, aziende ed enti di alto profilo, che stanno predisponendo, ognuno per la propria parte, iniziative di sostegno al viaggio.